Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Una raccolta di tutte le informazioni sul mondo dell'Energia

Il Team Otovo ha pensato di presentarvi un breve sommario di tutti gli argomenti trattati nella sezione del nostro blog intitolata “Energia”.

Qui potrete trovare una panoramica di tutto ciò che c’è da sapere sul mondo dell’energia, con le sue peculiarità e curiosità. Inoltre, per ogni argomento che vorrete approfondire troverete dei comodi link che vi indirizzeranno direttamente al post specifico all’interno del nostro blog, in modo da avere piena libertà di costruirvi un’informazione più consapevole sul mondo dell’energia sostenibile.  

Iniziamo!


In questa guida alla sezione “Energia” tratteremo i seguenti argomenti:

  • Energia elettrica ed energia pulita: differenze e peculiarità.
    In questa sezione tratteremo anche del costo dell’energia elettrica in kWh in Italia nel 2021
  • L'impatto positivo delle energie rinnovabili sull'ambiente.
    In questa sezione approfondiremo anche la tematica dell'energia solare, proponendo una breve guida
Voglio passare al solare

Energia elettrica ed energia pulita: differenze e peculiarità

Attualmente, l’energia elettrica in Italia viene prodotta a partire dall’utilizzo di fonti energetiche che possono essere rinnovabili e non. Le alternative pulite rappresentano il futuro dell’energia, e proprio per questo, all'incremento della carbon footprint (NB: l’impronta di carbonio indica la quantità di gas ad effetto serra generata durante la produzione di un prodotto o servizio) e al cambiamento climatico, numerosi paesi hanno deciso di promuovere l’uso della green energy. Dunque, in cosa consistono le energie pulite? Sono energie che al momento della generazione non producono alcun tipo di inquinamento o emissioni di CO2. Molte di queste, anche se non tutte, non si esauriscono, cioè sono rinnovabili.

Per questo motivo, il termine “energie pulite” viene spesso confuso con “energie rinnovabili”. Tuttavia, non sempre le energie rinnovabili corrispondono a energie pulite. Un esempio di energia rinnovabile non pulita è sicuramente il biocarburante, che durante la sua combustione genera emissioni di CO2. In misura molto più ridotta, non può essere definita “pulita” nemmeno l'energia geotermica, dato che può generare emissioni di idrogeno solforato e di anidride carbonica durante il suo processo di estrazione.

Invece, per quanto riguarda la produzione di energia da fonti non rinnovabili, in Italia questa è data principalmente dalla combustione di combustibili fossili all'interno di centrali termoelettriche. Questa produzione si aggira attorno al 70,8% della produzione totale nazionale.

Le energie pulite, invece, sono quelle che utilizzano gli elementi naturali e li convertono, mediante le diverse tecnologie, in energia.

Tra le energie pulite e rinnovabili ricordiamo:

  • L’energia idroelettrica prodotta dalla forza dell’acqua
  • L’energia eolica generata dalla potenza dell'aria
  • L’energia solare fotovoltaica prodotta dalle radiazioni solari in modo da creare corrente elettrica
  • L’energia solare termica anch’essa prodotta dalle radiazioni solari, ma con l’intento di riscaldare l’acqua per l’utilizzo sanitario
  • L’energia delle maree generata dalla potenza delle onde dei mari e degli oceani

Le prime tre tipologie di energie pulite e sostenibili sono utilizzate anche a livello domestico per produrre energia elettrica.

Il costo dell'energia elettrica in kWh in Italia nel 2021

Strettamente collegato al tema della produzione di energia elettrica a livello domestico c’è il temuto costo dell’energia elettrica in kWh, e la lettura della bolletta, la cui decifrazione lascia sempre tutti un po’ perplessi. Nella sezione “Energia” del blog di Otovo potrete trovare due articoli al riguardo che soddisferanno ogni vostra richiesta e incertezza.

Troverete un approfondimento sul costo dell’energia elettrica in kWh in Italia in cui è specificato il concetto di kilowattora e i rispettivi costi per fascia oraria, e i fattori di interferenza sulle oscillazioni del mercato.

Nell'immagine seguente è presentato un breve schema riassuntivo dei costi del kWh in Italia per fascia oraria:

Il costo del kWh in Italia
Il costo del kWh in Italia

Potrete consultare anche una lista dei 7 elettrodomestici che consumano più energia, poiché essere consapevoli dello specifico consumo di questi apparecchi rappresenta un ottimo modo per ridurre la carbon footprint e, soprattutto, per risparmiare in bolletta. Calcolare il consumo degli elettrodomestici non è così complicato come sembra. Ci viene in aiuto anche un misuratore di consumo elettrico, detto wattmetro, il quale ci agevolerà nel calcolo della potenza utilizzata da ogni singolo apparecchio e il suo consumo energetico in un determinato periodo di tempo. Il primo a scalare la classifica è il condizionatore, uno degli elettrodomestici più utilizzati a livello domestico, soprattutto durante la stagione estiva. Non solo il condizionatore è uno dei più temuti nemici della bolletta elettrica, ma, soprattutto, ha un impatto negativo davvero sull’ambiente. Infatti, si stima che la sua produzione di CO2 media ogni anno sia di 143 Kg.

È consigliabile acquistare un modello di classe energetica A - o superiore - in modo da risparmiare in bolletta e salvaguardare l’ambiente. Inoltre, è importante effettuare un’accurata pulizia dei filtri per ottimizzare i consumi.

Voglio saperne di più

L'impatto positivo delle energie rinnovabili sull'ambiente

Nel rispetto degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, il cui raggiungimento è stato prefissato entro il 2030, molti paesi hanno cominciato ad abbracciare il mondo delle fonti di energia alternativa.

Ma a che punto siamo in Italia? Nel nostro Paese, è stato recentemente pubblicato dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) il rapporto annuale sulla diffusione e uso delle Fonti di Energia Rinnovabile (FER) in Italia. Ciò che emerge dall’analisi dei dati del rapporto, in Italia, tra il 2005 e il 2019, il consumo di energia da FER è raddoppiato passando da 10,7 Mtep a 21,9 Mtep. Tra le energie sostenibili più utilizzate in Italia spicca l’energia solare, la principale fonte di energia sul nostro pianeta.

L’energia solare si può definire come l’energia che il Sole trasmette alla Terra attraverso le onde elettromagnetiche. Questa è definibile come energia pulita ed è la fonte principale sul nostro pianeta, indispensabile per la vita di tutti gli organismi. Per quanto concerne il suo utilizzo, l’energia solare viene utilizzata per produrre calore o energia mediante l’uso di impianti solari termici, fotovoltaici e termodinamici.

Le immagini seguenti mostrano il funzionamento di un impianto fotovoltaico termico e solare:

Come funziona un impianto solare termico
Come funziona un impianto solare termico
Come funziona un impianto solare fotovoltaico
Come funziona un impianto solare fotovoltaico

Diversi sono i vantaggi relativi all’utilizzo dell’energia solare a livello domestico tra cui:

  • La disponibilità - essendo il sole una fonte di energia rinnovabile e inesauribile è in grado di soddisfare il fabbisogno energetico anche delle regioni più remote;
  • La purezza - sfruttando l’energia del sole, si produce energia pulita, riducendo così le emissioni di CO2 e salvaguardando l’ambiente;
  • I costi - l’energia solare è la più economica poiché è priva di costi di produzione, trasporto e approvvigionamento;
  • L’autoproduzione - questo tipo di energia può essere prodotta in autonomia direttamente sul tetto della propria casa;
  • L’ammortizzazione dell’investimento - sebbene l’installazione di un impianto solare è una spesa importante, l’investimento viene ammortizzato nel giro di pochi anni. Per esempio, un impianto fotovoltaico da 3 kW richiede una spesa di 3.400 euro circa (prezzo che include lo sconto in fattura per il bonus ristrutturazioni), recuperabili in un lasso di tempo che va dai 3 ai 5 anni;
  • Risparmio in bolletta - con un impianto fotovoltaico con accumulo si può raggiungere un risparmio in bolletta di quasi il 90%. Inoltre, scegliendo questa opzione si permette il funzionamento continuativo anche di notte agli elettrodomestici più energivori (es. condizionatore, forno e lavatrice).

Voglio passare all'energia pulita

Le colonnine di ricarica per auto elettriche

La mobilità sta cambiando repentinamente e sempre più auto elettriche a bassa emissione di CO2 stanno conquistando il mercato mondiale. Per ricaricare queste “auto del futuro” si utilizzano le apposite colonnine elettriche, che sono principalmente di due tipologie: le colonnine di ricarica elettrica destinate al settore privato e semi pubblico, e le colonnine elettriche destinate al settore pubblico.

Il tempo che si impiega per caricarle dipende dal quantitativo di energia utilizzato e dalla potenza della colonnina stessa. In generale, un’auto media con 50 kWh di batteria (Renault Zoe o Tesla Model 3) impiega circa 6.5 ore a ricaricare attraverso l’utilizzo di una colonnina da 7.4kW.

Ricaricare l’auto elettrica con l’energia prodotta dal sole è vantaggioso sia da un punto di vista ecologico che di convenienza economica. Infatti, con un impianto fotovoltaico è possibile effettuare una mobilità a zero emissioni di CO2, riducendo così la carbon footprint e rallentando il surriscaldamento globale. Inoltre, le auto elettriche ricaricate dal fotovoltaico aumentano la redditività dell’intero impianto fotovoltaico. Infatti, anziché immettere il surplus di energia generato dal fotovoltaico nella rete elettrica a un prezzo sfavorevole, questo può essere utilizzato per ricaricare l’automobile a condizioni vantaggiose.

Richiedi una consulenza

Domande frequenti

Che cos'è l'energia in breve?

L'energia è la grandezza fisica che misura la capacità di un corpo, o di un sistema di corpi, di compiere un movimento, il cosiddetto "lavoro". L'energia può essere definita come una proprietà posseduta dal sistema che può essere scambiata tra corpi grazie al lavoro.

Qual è la principale fonte di energia?

Attualmente, la principale fonte di energia è rappresentata dai combustibili fossili, come il carbone, il petrolio e il metano. Tali combustibili, però, sono altamente nocivi e inquinanti per il pianeta, motivo per cui ci sta orientando verso una forma di energia alternativa, come quella solare, per ridurre la produzione di carbon footprint e l'emissione di CO2.

You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.