Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Approfondiamo insieme il concetto di idrogeno verde

Uno degli obiettivi che l'Europa si è posta di raggiungere entro il 2050 è la decarbonizzazione. Nei nostri articoli precedenti abbiamo visto come nuove tecnologie, come l’Intelligenza Artificiale, le criptovalute, le smart grid e il capacity market, possano aiutare il continente a procedere verso un mondo sempre più green.

In questo articolo vedremo invece un elemento che è sempre più nominato e che potrebbe aiutare l’Europa a raggiungere la carbon neutrality. Stiamo parlando dell’idrogeno verde, un’alternativa efficace, sostenibile e più pulita dei tradizionali combustibili fossili.

Sei pronto? Iniziamo!


Cos’è l’idrogeno verde?

Come si può facilmente interpretare dal nome, l’idrogeno verde è la variante green dell’idrogeno. A differenza dell’idrogeno grigio e l’idrogeno blu, l’idrogeno verde viene generato senza andare a impattare l’ambiente grazie all’elettrolisi dell’acqua alimentata da energia rinnovabile. Questa opzione green si distingue dal tradizionale idrogeno grigio che viene generato con lo steam reforming del metano e disperde nell’atmosfera moltissima CO2, impattando negativamente l’ecosistema ambientale. Come l’idrogeno grigio, anche l'idrogeno blu viene prodotto nella stessa maniera. Tuttavia, riesce a catturare le particelle di CO2 così che non vengano emesse nell’atmosfera.

Ma entriamo ora nello specifico e vediamo come si produce l’idrogeno verde.


La produzione dell’idrogeno verde

Come abbiamo accennato, circa il 95% dell’idrogeno utilizzato sul nostro Pianeta viene generato dal reforming del metano o da gassificazione del carbone - due processi molto economici, ma che aumentano notevolmente la carbon footprint. Tuttavia, negli ultimi anni, si sono introdotti nuovi metodi per ricavare l’idrogeno, quali processi termochimici o l'elettrolisi dell’acqua. Quest’ultimo processo avviene mediante elettrolizzatori, i quali possono diventare davvero sostenibili qualora fossero alimentati da fonti rinnovabili come l'energia solare o eolica.

Ad oggi, questi impianti non sono ancora competitivi sul mercato dal punto di vista economico. Tuttavia, si sta assistendo a un enorme progresso nel mondo delle rinnovabili che permette di abbattere il costo del kWh e quindi rende più competitivo l’utilizzo dell'idrogeno verde.

A questo punto ti starai chiedendo come funziona un impianto di questo tipo. Te lo spieghiamo in poche parole. Il punto chiave è l’elettrolizzatore processo in cui avviene la separazione dell’acqua in idrogeno e ossigeno. Successivamente l’acqua viene messa a contatto con due elettrodi, un anodo a carica positiva e un catodo a carica negativa.  La carica elettrica divide le molecole in ioni idrogeno e ioni idrossido. Grazie al catodo gli ioni idrogeno acquisiscono elettroni in una reazione di riduzione e diventano idrogeno gassoso. Al contrario, grazie all’anodo, gli ioni idrossido cedono elettroni in una riduzione di ossidazione, creando così ossigeno.

Se l’elettrolizzatore è in vicinanza di un impianto di fonti rinnovabili potrà essere alimentato da energia pulita e produrre idrogeno in un modo 100% sostenibile.


I vantaggi dell’idrogeno verde

Non solo l’idrogeno verde è un materiale super efficiente che viene prodotto a impatto zero, ma porta con sé i seguenti benefici:

  • Ha un’alta densità energetica: 1kg di idrogeno verde contiene la stessa quantità di energia di 2,4 kg di metano o 2,8 kg di benzina
  • È di facile stoccaggio e trasporto
  • Ha un’alta efficienza di conversione. Se prendiamo l’esempio di un’automobile a idrogeno, circa il 60% dell’energia chimica dell’idrogeno viene convertita in energia motrice. Al contrario, il rendimento meccanico di motori termici, ad esempio quelli a benzina o a gasolio, varia dal 20% al 35%.
  • È il vettore energetico più efficiente grazie alla facilità con cui l’energia elettrica può essere trasformata in idrogeno
  • Non produce emissioni inquinanti

Idrogeno verde: alcune previsioni

Numerosi paesi nel mondo hanno già stanziato dei fondi per incrementare la produzione di idrogeno verde che andranno ad alimentare diverse infrastrutture che potrebbero funzionare  grazie a questa risorsa.

Secondo un rapporto di Bloomberg il mercato mondiale potrebbe quadruplicare i volumi di produzione di  idrogeno verde, soprattutto grazie alla spinta cinese e statunitense.

Inoltre, si prevede che entro il 2023 ci sarà la costruzione di impianti di produzione di idrogeno alimentati da energia solare e almeno 22 Paesi nel mondo introdurranno una strategia nazionale per questo elemento.

Di certo c’è una linea comune a questi sviluppi: il mondo si sta spingendo sempre più verso questa fonte di energia pulita.

Secondo le previsioni di DNV la diffusione dell'idrogeno è troppo lenta

Secondo le analisi del rapporto Hydrogen Forecast to 2050 compiuto da DNV, un ente indipendente attivo nella gestione del rischio e delle assicurazioni, la diffusione dell'idrogeno è ancora troppo lenta. A questa velocità si rischia di non rispettare gli Accordi di Parigi. Ai ritmi attuali, alla fine del decennio la quantità di questo vettore energetico nel mix globale arriverà soltanto allo 0,5%, per poi salire ad appena il 5% nel 2050. Ma per quella data, la diffusione reale dovrebbe almeno triplicare, salendo al 15%, per aumentare le chances di tenere la temperatura globale sotto gli 1,5 gradi.


Idrogeno verde: una realtà sempre più vicina

Nonostante numerosi Governi si stiano impegnando a seguire una politica di decarbonizzazione, non sempre i piani pensati sono facilmente realizzabili. Infatti, per la realizzazione di processi di elettrolisi viene richiesta una grande quantità di energia elettrica pulita. Tuttavia, negli ultimi anni, grazie al boom delle rinnovabili si sta agevolando la produzione di idrogeno verde.

E per i prezzi? L’abbassamento dei costi di produzione e la crescita della domanda potrebbe portare il prezzo dell’idrogeno verde dagli attuali 6$ al Kg, fino a 1,7$ al Kg entro il 2050.


Conclusione

Numerosi paesi europei e mondiali stanno investendo in innovazioni e tecnologie per continuare il processo di decarbonizzazione e offrire stili di vita più sostenibili che contrastino il surriscaldamento globale e il cambiamento climatico.

Anche noi di Otovo in piccolo abbiamo a cuore il concetto di sostenibilità e la nostra missione è quella di installare il maggior numero di impianti fotovoltaici sulla maggior parte dei tetti degli italiani.

Se anche tu vuoi unirti alla rivoluzione solare, richiedi un preventivo gratuito. Come fare? Semplicemente inserisci l’indirizzo di tuo interesse nella barra di ricerca di seguito. Riceverai un’offerta in meno di un minuto.


Domande frequenti

Come si produce l’idrogeno verde?

L’idrogeno verde si produce attraverso il processo chimico dell’elettrolisi. Per ottenere questo elemento l’acqua viene scissa in idrogeno e ossigeno grazie al contatto con due elettrodi.




You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.