Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Una guida Otovo sulle differenze di questi veicoli

Molti di noi oggi si stanno interessando all’acquisto di un’auto elettrica. Ma cosa si intende per veicolo elettrico? Oggigiorno, con il termine automobile elettrica ci si riferisce a diverse tipologie di vetture tra cui le full electric, ibride e plug-in, che presentano tra loro differenze di architettura notevoli. Tutti questi sono veicoli in grado di sfruttare l'energia elettrica ma, il modo in cui questo avviene, cambia notevolmente in base al veicolo.

In questo articolo vediamo le differenze.


Differenze tra elettrico, ibrido e plug-in: veicolo ibrido leggero

Il veicolo elettrico più contenuto è quello ibrido leggero, riconosciuto anche con la sigla MHEV (dall’inglese Mild Hybrid Electric Vehicle). Un ibrido leggero ha in genere una piccola batteria fino a 48V e 1 kWh di potenza che solitamente funziona da ausilio al motore a combustione. La batteria elettrica aiuta a migliorare le prestazioni e a ridurre i consumi di carburante. Tuttavia, a differenza di un veicolo full electric, plug-in o ibrido, i veicoli ibridi leggeri non sono in grado di far muovere la vettura come le automobili elettriche.

Anche se queste automobili non sono totalmente ibride, godono dei vantaggi delle auto elettriche, come l’accesso a ZTL o l'esenzione dal bollo.


Veicolo elettrico ibrido

Queste automobili sono note anche come HEV (Hybrid Electric Vehicle) e sono la tipologia di veicoli elettrici più diffusa. A differenza della tipologia descritta precedentemente , le automobili ibride sono dotate di due motori: uno a combustione e l’altro elettrico. Quest’ultimo è caratterizzato da una batteria con dimensioni che possono raggiungere fino gli 8 kWh di potenza. Il motore elettrico entra in funzione quando si accende il veicolo e durante la guida. Tuttavia, il motore a combustione potrà subentrare quando si raggiungono alte velocità.

Per quanto riguarda la ricarica della batteria, questa avviene quando l’automobile è in movimento e grazie a un sistema di frenata rigenerativa. Rispetto a un ibrido leggero, questi veicoli possono usare l’energia elettrica per muoversi, ma non possono ricaricare la batteria da fonti esterne.


Auto ibrida: diesel o benzina?

La maggior parte delle auto ibride in commercio sono dotate di un motore a benzina. Tuttavia, sul mercato sono da poco disponibili anche le auto ibride a diesel. Questa novità è stata introdotta da Mercedes nel 2018, permettendo a queste auto di percorrere distanze superiori rispetto a veicoli ibridi a benzina grazie anche ai minori consumi del motore a diesel.


Auto elettriche Plug-In

Le auto elettriche plug-in sono note anche come PHEV (Plug-in Hybrid Electric Vehicle). Come i veicoli ibridi, queste automobili sono dotati di due motori, uno a combustione e uno elettrico. A differenza dei veicoli ibridi, le automobili plug-in possono percorrere una tratta di circa 60-80km con il solo motore elettrico grazie a una batteria che può raggiungere fino a 15 kWh di potenza. Le grandi dimensioni della batteria permettono a questi veicoli di essere ricaricati utilizzando le colonnine di ricarica per auto elettriche.


Automobili full electric

A differenza dei veicoli ibridi e plug-in, le auto full electric, note anche come BEV (Battery Electric Vehicle), sono interamente alimentate da un motore a batteria e non presentano un motore a combustione. Le dimensioni delle batterie di questi veicoli variano dai 40 kWh ai 200 kWh nei modelli di auto più recenti.

Inoltre, l’autonomia di questi automobili può raggiungere i 600 km quando si è al massimo della carica.

Come i veicoli plug-in, la ricarica di un veicolo full electric viene effettuata attraverso una presa elettrica esterna. A seconda del tipo di colonnina, per ricaricare questo veicolo servono alcune ore. Tuttavia, le stazioni di ricarica rapida stanno abbattendo questi tempi rimanendo sotto la soglia dei 60 minuti.


Un breve riassunto sulle principali differenze e alcuni consigli

Un’auto ibrida è una vettura alimentata da due motori:

  • Un motore a combustione interna, generalmente alimentato a benzina o a diesel
  • Un motore elettrico alimentato da una batteria ricaricabile

Motore elettrico e motore a combustione sono il giusto mix per avere il massimo risparmio in termini di consumo. La batteria delle auto ibride non ha bisogno di essere ricaricata attraverso le  colonnine, dato che le auto ibride non hanno alcuna presa esterna. Infatti, le batterie di queste auto si ricaricano semplicemente grazie al motore a combustione e al sistema di recupero di energia durante la frenata.

Prendendo in considerazione le auto ibride plug-in, queste sono dotate di una batteria ricaricabile più grande che viene alimentata grazie alle colonnine di ricarica per l’auto elettrica o grazie al sistema di recupero di energia in frenata.

Quando l’auto plug-in viaggia con motore elettrico puro, l’energia arriva esclusivamente dalla batteria ricaricabile. Quando, però, l'energia della batteria si esaurisce, entra in azione il motore a combustione a benzina o a diesel.

Un veicolo full electric, invece, è un’automobile alimentata esclusivamente da un motore elettrico che funziona grazie all’energia immagazzinata all’interno della batteria. Queste auto non hanno nessun motore a combustione interna.

L’auto elettrica necessita di essere ricaricata periodicamente tramite batterie per vetture elettriche e per questo ha un'autonomia ben definita. Una volta esaurita questa autonomia, la vettura dovrà essere ricaricata per muoversi. Leggi il nostro blog per scoprire i diversi caricabatterie per auto elettriche!

Le auto elettriche, insieme ai monopattini elettrici, sono uno dei principali esempi di mobilità sostenibile. Non solo sono vantaggiose dal punto di vista economico, ma anche ambientale!

Sia le auto ibride che le auto elettriche sono veicoli eco-friendly, nonostante l’auto elettrica sia più ecologica rispetto alla ibrida. Infatti, una vettura elettrica non presenta alcun motore termico a diesel o a benzina. Ciò significa zero emissioni di CO2.

Infine, grazie all’assenza di un motore termico, le vetture elettriche risultano molto più silenziose rispetto alle ibride, garantendo una diminuzione dell’inquinamento acustico.

A questo punto: meglio un’auto ibrida o elettrica?

Per inquinare meno è consigliato scegliere un’auto elettrica per brevi tragitti o di massimo 350 km; invece, per gli spostamenti di media e lunga percorrenza si consiglia un’auto ibrida.

Quest’ultima è la soluzione ideale per i tragitti interregionali più lunghi. L'auto elettrica, invece, è consigliata per gli spostamenti in città o gite fuori porta.

Se vuoi approfondire maggiormente questo argomento, leggi il nostro blog che ti propone un paragone tra l'auto a benzina e l'auto elettrica.


Auto elettriche e fotovoltaico

Nel nostro paese sono sempre più diffusi gli impianti fotovoltaici residenziali per la produzione di energia elettrica per la casa. L’energia prodotta da un impianto fotovoltaico serve infatti per soddisfare il fabbisogno personale e, se si produce un eccesso di energia, questo viene immesso in rete quando non si ha a disposizione un accumulatore.

In altre parole, quando non si ha a disposizione una batteria per fotovoltaico, è consigliato utilizzare il più possibile l’energia solare autoprodotta. In questo caso, l'abbinamento del fotovoltaico con auto elettrica è molto conveniente sia dal punto di vista sostenibile sia economico.

Scopri come Otovo ti può aiutare


You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.