Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Il piano di investimenti per riparare ai danni economici e sanitari

Alla luce delle attuali crisi economiche, energetiche e sanitarie successive alla pandemia di Covid-19 - e ulteriormente peggiorate dopo la guerra in Ucraina - gli stati membri dell’Unione Europea devono trovare al più presto una soluzione per tamponare le gravi problematiche che ci hanno coinvolto globalmente. Lotta al surriscaldamento globale, riduzione della carbon footprint, ricerca di fondi per lo sviluppo di infrastrutture adeguate alla transizione energetica verso cui ci stiamo indirizzando, sono solo alcuni dei punti salienti del programma di consolidamento di cui abbiamo bisogno, e al più presto.

In questo articolo ti parleremo del Next Generation EU, uno strumento temporaneo che punta alla ripresa e al rilancio economico dell’Europa per riparare ai danni legati alla crisi che stiamo affrontando.

Sei pronto? Iniziamo!


Che cos’è Next Generation EU

La Commissione e il Parlamento europeo hanno varato il Next Generation EU (NGEU), un piano di investimenti dal valore di 750 miliardi di euro che sarà attivo dal 2021 fino al 2027 e valido per tutti gli Stati membri.

Un fondo che promette di riparare i danni economici e sociali che l’emergenza sanitaria ci ha messo davanti agli occhi, un investimento che punta al futuro dell’Europa e guarda alle generazioni future.

Ma soprattutto, questo piano di ripresa punta a gettare le basi per costruire un’economia verde e digitale, che sia sostenibile, resiliente e preparata ad affrontare le sfide del futuro.

L’intera iniziativa della Commissione europea è strutturata su 3 pilastri:

  • Sostegno agli Stati membri per investimenti e riforme
  • Rilancio dell’economia dell’UE che incentivi l’investimento privato
  • La possibilità di tratte insegnamento dalla crisi

Le priorità del Next Generation EU

Attraverso il Next Generation EU la Commissione europea si focalizza su 4 fondamentali priorità:

  • Transizione Ecologica: raggiungere la neutralità carbonica e mettere in pratica misure per la lotta al cambiamento climatico;
  • Transizione Digitale: aumentare le zone raggiunte da una buona connessione internet e, dove possibile, da una connessione 5g e investire nella formazione delle conoscenze digitali - rinnovabili, sostenibilità e AI è un futuro più vicino di quanto si pensi;
  • Stabilità Macroeconomica: investire nei giovani, creando opportunità di lavoro e di educazione;
  • Equità: promuovere azioni e misure volte a contrastare ogni forma di odio e promuovere iniziative per l’uguaglianza e tolleranza di genere e della comunità Lgbtqi+

Il fulcro del pacchetto dei finanziamenti è rappresentato dal Recovery and Resilience Facility (RRF), a cui sono destinati 672,5 miliardi dei 750 totali.

I fondi del RRF sono divisi tra i Paesi membri in base all’impatto che il Covid-19 ha avuto sull’economia nazionale e l’esborso sarà condizionato alla presentazione di un Piano Nazionale, in cui si dovranno delineare tutte le riforme e gli investimenti che ogni paese presenterà.


Pensare ai giovani per plasmare il futuro

Il nome “Next Generation” è significativo della vera e propria missione del piano: i giovani, infatti, sono i principali interessati, nonché i protagonisti, del programma. Le politiche pubbliche che dovranno essere adottate per la realizzazione del piano di ripresa e resilienza apriranno un largo dialogo con le diverse generazioni, puntando a un processo inclusivo e partecipativo.

Sarà fondamentale coinvolgere tutti in questo percorso, trattando temi quali la digitalizzazione, la transizione ecologica e climatica, la formazione e l’informazione ai cittadini sui temi dello sviluppo sostenibile, così da renderli produttivi e coinvolti nei processi di cambiamento nel modo di pensare, comportarsi e agire.


L’Italia all’interno del piano

L’Italia è il principale beneficiario dei fondi europei del Next Generation EU, con una risorsa stanziata pari a 191,5 miliardi di euro.

Lo scorso 13 agosto la Commissione europea ha autorizzato l’erogazione di un prefinanziamento di circa 24,9 miliardi di euro, pari al 13% delle risorse destinate al nostro paese in totale.

Gli obiettivi, le riforme e gli investimenti che l’Italia intende realizzare grazie a questi fondi rappresentano il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che punta a dotare il nostro Paese di tutti gli strumenti necessari per affrontare 6 principali missioni:

  • Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura - 40,73 miliardi
  • Rivoluzione verde e transizione ecologica - 59,33 miliardi
  • Infrastrutture per una mobilità sostenibile - 25,13 miliardi
  • Istruzione e ricerca - 30,88 miliardi
  • Inclusione e coesione - 19,81 miliardi
  • Salute - 15,63 miliardi
Le 6 principali missioni del NGEU (Fonte: LaBellaEuropa)
Le 6 principali missioni del NGEU (Fonte: LaBellaEuropa)

Per finanziare ulteriori interventi il Governo italiano ha approvato un Fondo complementare con risorse pari a 30,6 miliardi di euro, per un risultato complessivo di 222,1 miliardi di euro.

La possibilità di sfruttare al meglio questi fondi potrebbe rappresentare una grande opportunità di crescita e sviluppo per il nostro paese. La piena ed efficace attuazione dei progetti contenuti nel PNRR sarà quindi uno dei passaggi decisivi dei prossimi anni. Per questo sarà fondamentale anche un’attenta opera di monitoraggio, non solo per informare i cittadini sull’avanzamento dei progetti, ma per segnalare inoltre eventuali criticità nelle azioni.


Rivoluzione verde e transizione ecologica

La Rivoluzione Verde e la Transizione Ecologica sono una delle missioni su cui l’Italia sta agendo con più determinazione, impegnandosi nell’ambito dell’energia rinnovabile e in particolare per il fotovoltaico, le Comunità Energetiche e l’accumulo.

Negli ultimi anni, e in particolare dal 1990 al 2019, le emissioni di gas serra sono passate da 519 Mt CO2eq a 418 Mt CO2eq, mostrando un notevole impegno che, con le nuove linee lanciate dal PNRR, mira a crescere grazie a interventi su:

  • Impianti utility-scale con riforme sui meccanismi autorizzativi
  • Segmento agro-voltaico
  • Sviluppo di Comunità Energetiche e impianti distribuiti di piccola taglia anche in abbinamento a sistemi di accumulo, specie in piccoli Comuni, con l’obiettivo di 2 GW di nuova capacità installata
  • Soluzioni innovative ed impianti offshore e a biometano

I fondi previsti saranno così suddivisi:

  • 2,2 Mld€ per le Comunità Energetiche e lo sviluppo dell’autoconsumo
  • 1,1 Mld€ per lo sviluppo agro-voltaico
  • 1,9 Mld€ per lo sviluppo del biometano
  • 0,7 Mld€ per la promozione di impianti innovativi

La missione dell'Italia

Il solare e le energie rinnovabili sono stati riconosciuti come la chiave per la crescita economica dell’Europa, una vera e propria ripresa verde che punta sulla realizzazione di progetti basati in primis sull’eolico ed il fotovoltaico.

Questi obiettivi, lo sappiamo, non riguardano solo i grandi leader del mondo, ma possono e devono essere raggiunti con l’impegno di ogni cittadino che può contribuire, agendo nel suo piccolo, a questa grande rivoluzione.


Come fare la differenza

Le scelte sostenibili partono da azioni semplici, come quelle che puoi fare con Otovo!

Il passaggio all'energia solare è una scelta sostenibile a beneficio dell’ambiente, nonché una delle scelte più lungimiranti per il tuo bilancio familiare. Installando un impianto fotovoltaico sul tuo tetto contribuirai alla salvaguardia del pianeta per le future generazioni perché potrai produrre energia pulita evitando così emissioni di CO2.

La tua decisione verde sarà davvero semplice con noi, perché ti offriamo i migliori pannelli solari sul mercato e la possibilità di calcolare subito un preventivo gratuito e personalizzato.

La nostra tecnologia proprietaria ci permette di calcolare il potenziale tetto dei nostri clienti e formulare così un'offerta personalizzata e in tempi rapidissimi. I nostri impianti vengono consegnati chiavi in mano e, dopo la vendita, garantiamo un servizio di assistenza per tutta la vita dell'impianto. La tua lotta al cambiamento inizia ora: scopri subito il mondo del fotovoltaico con Otovo!

Immetti l'indirizzo di tuo interesse nella barra sottostante e calcola subito un preventivo gratuito e personalizzato:

You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.