Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

La soluzione anti-smog per le città è la mobilità sostenibile

Il surriscaldamento globale e la crisi climatica stanno avendo conseguenze disastrose sul nostro ecosistema. L’aumento dell’impronta di carbonio, l’acidificazione dei mari, l’estinzione delle specie sono solo alcuni degli effetti del climate change che caratterizzano tristemente la nostra epoca.

Anche in ambito cittadino l’inquinamento e lo smog - dettati da uno stile di vita sempre più frenetico e ai processi produttivi di stampo industriale - stanno diventando una problematica sempre più diffusa, nociva per l’ambiente e per la nostra salute. Seppur siano stati avviati numerosi progetti in tema di finanza sostenibile, economia circolare e green economy per contrastare il cambiamento climatico (e soprattutto per rispettare gli obiettivi sostenibili preposti dall’Agenda 2030 per il mantenimento del rialzo della temperatura terrestre al di sotto di 1,5°C), la strada verso la sostenibilità è ancora lunga e tortuosa e, soprattutto, necessita dell’impegno di tutti.

In questo articolo ti parleremo di una ricerca condotta da Cnr-Isti e Sapienza Università di Roma di come la mobilità elettrica e l’home-working potrebbero potenzialmente ridurre l’inquinamento urbano nelle nostre città.

Prima di iniziare, però, calcolati un preventivo gratuito e personalizzato per un impianto fotovoltaico, e inizia anche tu a produrre energia pulita che fa bene all’ambiente! Immetti l’indirizzo di tuo interesse nella barra di ricerca sottostante e ricevi l’offerta in meno di un minuto.

Sei pronto? Iniziamo!


Il binomio anti-smog: mobilità elettrica e home-working

Secondo uno studio dell’Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isti) e del Dipartimento di ingegneria informatica, automatica e gestionale (Diag) dell' Università Sapienza di Roma la ricetta per ridurre l’inquinamento delle nostre città è la combinazione della mobilità sostenibile unita all’home working.

Quantificando la potenziale riduzione delle emissioni di città come Roma, Londra e Firenze ne è risultato che se soltanto l’1% delle automobili più inquinanti - dunque alimentate a combustibili fossili - fossero sostituite da veicoli elettrici, la riduzione delle emissioni sarebbe equivalente al quantitativo generato dalla sostituzione di un campione casuale del 10% di veicoli.

Per mobilità sostenibile si intende un sistema ideale dei trasporti che permette di ridurre l’impatto ambientale (come si evince dal IPCC Report 2022), sociale ed economico del settore, rendendo allo stesso momento gli spostamenti più veloci ed efficaci. Dunque vi si identificano tutte quelle tipologie di mobilità che non includono l’utilizzo di mezzi di trasporto alimentati a combustibili fossili. In questa categoria di e-mobility vi rientrano le macchine elettriche, così come i monopattini e le biciclette.

Lo studio nello specifico

Vivendo in un’area urbana si è esposti a numerosi fonti inquinanti, poiché la qualità dell’aria è spesso soggetta a diversi fattori nocivi. Trovare delle soluzioni all’inquinamento urbano significa quindi predisporre interventi mirati che, secondo la ricerca pubblicata su Nature Sustainability, potrebbero risiedere nella scelta di optare per una mobilità sostenibile e un’organizzazione del lavoro che prediliga l’home-working, dunque il lavorare da casa.

Nello studio si evidenzia come nel 10% delle strade maggiormente inquinate possono ritrovarsi quasi il 60% delle emissioni totali dell’area urbana generate dalle automobili.

Misure come le cosiddette targhe alterne, ancora in voga fino a pochi anni fa, sono incredibilmente meno efficaci di politiche di riduzione delle emissioni che compiano invece scelte mirate, come i più recenti divieti alla circolazione dei veicoli particolarmente inquinanti, o eventuali incentivi all’elettrico, che dovrebbero, però, essere concepiti per chi inquina di più.

Commenta a tal riguardo Mirco Nanni, ricercatore di Cnr-Isti.

Anche l’home working è un valido alleato contro l’abbattimento delle emissioni urbane. Questa tipologia di lavoro da casa, combinata alla mobilità elettrica, si rivela vincente per ridurre gli spostamenti casa-lavoro.


Anche il fotovoltaico può dare il suo contributo

Installare un impianto fotovoltaico sul tetto della tua abitazione può dare una grande mano per ridurre le emissioni di CO2 nell’atmosfera. Come abbiamo già accennato più volte nel nostro blog, l’energia solare è una fonte rinnovabile pulita e inesauribile che fa bene all’ambiente e che ti permetterà, oltretutto, di abbattere i tuoi costi in bolletta. Implementare le tue utenze con un’alimentazione elettrica, oltretutto, ti consentirà di convertire la tua casa in una smart-home quasi totalmente elettrica e alimentata a energia fotovoltaica.

Una rivoluzione solare in casa tua che ti permetterà di essere il tuo fornitore personale di energia, senza non dover dipendere dalla rete elettrica nazionale e, soprattutto, contribuendo al perseguimento della neutralità carbonica aiutando il nostro Pianeta in questa battaglia contro i cambiamenti climatici.


Inizia anche tu al più presto a produrre energia pulita! Calcolati un preventivo gratuito e personalizzato e ricevi l’offerta in meno di un minuto. Ti basterà immettere l’indirizzo di tuo interesse nella barra di ricerca sottostante:

You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.