Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Come funziona l’autoconsumo fotovoltaico: scopriamolo insieme

La scelta di installare un impianto fotovoltaico sul tetto della propria abitazione è sempre più comune fra i cittadini italiani. Questo perché decidere di passare all’energia solare è vantaggioso sotto molteplici punti di vista, soprattutto per salvaguardarsi dalla crisi energetica e socio-economica che sta caratterizzando la nostra epoca. Installare un impianto solare, infatti, ti permetterà di abbattere i costi in bolletta e salvaguardarti dal vertiginoso rincaro dei prezzi.

Con un impianto fotovoltaico sul tuo tetto potrai alimentare le tue utenze con un’energia pulita che non produce emissioni di CO2 nell'atmosfera. Inoltre, se deciderai di integrare una batteria per fotovoltaico potrai perseguire l’indipendenza energetica dalla rete elettrica nazionale. Un impianto fotovoltaico con accumulo, infatti, ti permette di abbattere i costi in bolletta di oltre l’80% poiché potrai usufruire dell’energia che i tuoi sistemi di storage hanno immagazzinato durante la giornata. E questo ti dà la possibilità di poter usufruire dell’energia elettrica prodotta dal tuo impianto anche alla sera, o nei momenti in cui ne hai più bisogno.

Insomma: scegliere di installare un impianto fotovoltaico oggi è davvero la scelta giusta. In questo articolo ti spiegheremo nel dettaglio perché e, soprattutto, ti elencheremo i vantaggi di poter usufruire del proprio autoconsumo.

Sai cosa significa questo termine? Scoprilo con noi!

Prima di iniziare, però, calcolati subito un preventivo gratuito e personalizzato. Immetti l’indirizzo di tuo interesse nella barra di ricerca sottostante e riceverai un’offerta in meno di un minuto:

Sei pronto? Iniziamo!


Autoconsumo fotovoltaico: cos’è

L’autoconsumo è il fattore di maggiore risparmio per chi è in possesso di un impianto fotovoltaico. Con questo termine si intende la possibilità di produrre energia con i propri moduli solari e di consumarla sul luogo e al momento stesso. Con la produzione del tuo impianto, infatti, potrai alimentare istantaneamente le utenze della tua abitazione facendo fronte ai tuoi fabbisogni energetici in modo semplice e pulito.

In altre parole, autoconsumando l’energia prodotta dal tuo impianto fotovoltaico avrai la possibilità di ridurre i prelievi dalla rete elettrica nazionale e dunque di abbattere considerevolmente i costi in bolletta, perché sarai autonomo nella tua produzione e nel tuo consumo.

Al momento della generazione di energia da parte del tuo impianto fotovoltaico domestico, quest’ultima può essere:

  • Autoconsumata in loco
  • Immessa in rete elettrica nazionale e quindi gestita dal distributore locale
  • Immagazzinata nei sistemi di accumulo per poter essere consumata in un secondo momento

Scopri di seguito gli altri vantaggi legati all’autoconsumo!


I vantaggi dell'autoconsumo

Oltre a un fattore legato alla sostenibilità, diversi sono i benefici che comporta l’installazione di un impianto fotovoltaico e l’autoconsumo che ne consegue:

  • Risparmio economico: installare un impianto solare significa avere la possibilità di rendersi sempre più indipendente dal gestore dei servizi energetici. Questo perché avrai sempre meno necessità di ricorrere alla rete elettrica nazionale per alimentare le tue utenze, e questo di conseguenza comporta un notevole abbattimento dei costi in bolletta;
  • Possibilità di ricorrere agli incentivi fiscali disponibili: lo Stato ha previsto una serie di incentivi per privati che permettono di ridurre la spesa di acquisto di un impianto fotovoltaico e al tempo stesso di ridurre i tempi di rientro dell’investimento. Noi di Otovo ti offriamo un preventivo già compreso di sconto in fattura al 50%.
  • Guadagno economico: puoi usufruire dei servizi dello Scambio sul posto o del Ritiro Dedicato per la vendita e la compensazione dell’energia prodotta in eccesso dal tuo impianto, ovvero quella prodotta ma non consumata all’interno della tua abitazione.

Data inoltre l’attuale crisi energetica che sta attraversando l’intera Europa, oggi più che mai scegliere di passare al fotovoltaico per garantire l’autoconsumo è una scelta che può fare la differenza.

Secondo l’ultimo "Rapporto sullo Sviluppo Sostenibile" pubblicato dal Sole 24 Ore infatti, chi investe sull’energia ha ritorni rapidi e chi studia sostenibilità ha il lavoro assicurato.

In Italia sono sempre di più le imprese che hanno deciso di investire nell’autosufficienza energetica, traendone grandi benefici.

Come sfruttare al massimo il tuo autconsumo

Una volta installato un impianto fotovoltaico dimensionato correttamente secondo le tue esigenze, potrai usufruire del tuo autoconsumo per generare tutta l’energia necessaria a soddisfare i tuoi bisogni specifici.

Ma come sfruttare al massimo questa possibilità di autoconsumo? Dovrai sapere gestire al meglio i tuoi elettrodomestici nel momento in cui l’impianto è in produzione. In altre parole: dovrai essere bravo a sfruttare tutta la produzione del tuo impianto per azionare i tuoi elettrodomestici - come la lavatrice o la lavastoviglie - senza affidarti alla rete elettrica nazionale, ma solo all’energia prodotta dai tuoi pannelli. Al giorno d’oggi, oltretutto la maggior parte degli apparecchi elettrici moderni possono essere programmati persino a distanza, così da attivarli e usufruire dell’autoconsumo fotovoltaico nei momenti migliori della giornata.

In questo modo l’installazione di un impianto fotovoltaico diventerà un investimento ancora più remunerativo, poiché avrai modo di massimare i vantaggi del tuo sistema solare riducendo contemporaneamente il prelievo di energia dalla rete elettrica nazionale.


Autoconsumo fotovoltaico: come calcolarlo

Per aiutarti a capire meglio questo argomento, ti proponiamo di seguito un esempio concreto su come misurare la quantità di energia autoprodotta e consumata dal tuo impianto fotovoltaico.

Avrai bisogno di due dati essenziali:

  • Energia totale prodotta: questo dato puoi trovarlo sul display dell’inverter dell’impianto fotovoltaico o tramite l’App Otovo collegata al tuo impianto;
  • Energia immessa in rete: che puoi conoscere grazie al contatore bi-direzionale che si installa durante la fase di allacciamento alla rete dell’impianto.

La formula magica della tua autoproduzione quindi sarà:

Energia totale prodotta - Energia immessa in rete = Energia autoconsumata

Usando i numeri: se in un anno il primo contatore ha rilevato 3.900 kWh prodotti dal tuo impianto e il secondo contatore ha rilevato in totale 2.000 kWh di energia immessa in rete, sottraendo l’energia immessa in rete all’energia complessivamente prodotta si ottiene l’energia autoconsumata: ovvero 1.900 kWh.

Facile, no?

In conclusione, più riuscirai ad aumentare la quota di energia autoconsumata, più l’investimento sarà remunerativo!

Autoconsumo fotovoltaico
Autoconsumo fotovoltaico

Scegli anche tu di passare al solare e di iniziare subito a usufruire del tuo autoconsumo! Calcolati subito un preventivo gratuito e personalizzato per l’installazione di un impianto fotovoltaico. Immetti l'indirizzo di tuo interesse nella barra di ricerca sottostante e riceverai un’offerta in meno di un minuto:


Domande frequenti

Cos'è l'autoconsumo fotovoltaico?

Per autoconsumo fotovoltaico si intende la possibilità di produrre energia con i propri moduli solari e di consumarla sul luogo e al momento stesso. Con la produzione del tuo impianto, infatti, potrai alimentare istantaneamente le utenze della tua abitazione facendo fronte ai tuoi fabbisogni energetici in modo semplice e pulito.

Come si calcola il proprio autoconsumo?

Per calcolare il tuo autoconsumo dovrai sottrarre l’energia immessa in rete all’energia complessivamente prodotta e otterrai così l’energia autoconsumata.

You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.