Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Una guida ai prezzi dei sistemi di accumulo per il fotovoltaico

Quanto costano le batterie per fotovoltaico? Quanto durano? Perché le prestazioni di quelle al litio ferro fosfato sono differenti? Queste sono alcune delle domande che il nostro team commerciale riceve più spesso dai nostri clienti.

In diversi articoli del nostro blog abbiamo già ampiamente snocciolato le componenti utili al funzionamento e all’efficienza di un impianto fotovoltaico. Tra le informazioni più richieste, la maggior parte riguardavano appunto le batterie per fotovoltaico, anche detti accumulatori solari.

In questo articolo, esploreremo i prezzi delle batterie per il fotovoltaico, discutendo vari aspetti come la durata delle batterie, le prestazioni e i benefici dei sistemi di accumulo al litio ferro fosfato. Ti daremo una visione dettagliata dei costi, della capacità e delle tecniche di dimensionamento ideali, oltre a suggerimenti su come adeguare la capacità del sistema di accumulo al tuo fabbisogno energetico.

Se stai considerando l'installazione di un sistema di accumulo fotovoltaico, questo articolo ti fornirà una guida completa per aiutarti a fare la scelta migliore per le tue esigenze!

Calcola subito un preventivo personalizzato per un impianto fotovoltaico con Otovo! Inserisci l'indirizzo di tuo interesse nella barra di ricerca sottostante e riceverai un'offerta in meno di un minuto.


Batterie per fotovoltaico: una panoramica

Prima di analizzare i prezzi delle batterie per fotovoltaico, andiamo a vedere cosa si intende e come funziona una batteria di accumulo!

Una batteria di accumulo fotovoltaica è un sistema che immagazzina l'energia elettrica prodotta da un impianto fotovoltaico per utilizzarla in un momento successivo quando il sole non è disponibile, ad esempio durante la notte o in condizioni meteorologiche avverse. Questi sistemi sono utilizzati per ottimizzare l'autoconsumo dell'energia prodotta da pannelli solari.

Ecco il funzionamento di un sistema di accumulo fotovoltaico:

  • Innanzitutto, i pannelli solari fotovoltaici trasformano la luce solare in energia elettrica continua (corrente continua o DC). Questa energia può essere utilizzata istantaneamente per alimentare i dispositivi elettrici in casa oppure può essere immagazzinata per un utilizzo futuro.
  • Successivamente, l'energia continua generata dai pannelli solari viene indirizzata verso un inverter, il quale converte la corrente continua (DC) in corrente alternata (AC). Poiché la maggior parte delle abitazioni utilizza l'energia elettrica in formato AC, l'inverter adatta l'energia alle esigenze domestiche.
  • La corrente alternata convertita viene impiegata per caricare la batteria di accumulo. Questo processo avviene quando si verifica un surplus di energia prodotta rispetto a quella consumata.
  • Quando la produzione di energia solare è inferiore al consumo, come durante la notte o in condizioni di scarsa illuminazione solare, la batteria entra in azione. Essa fornisce l'energia precedentemente immagazzinata, consentendo di continuare ad alimentare la casa senza dover ricorrere alla rete elettrica pubblica.

Nell'infografica sottostante trovi riassunto il funzionamento di una batteria di accumulo per fotovoltaico.

Funzionamento batteria di accumulo fotovoltaico
Funzionamento batteria di accumulo fotovoltaico

Le batterie di accumulo fotovoltaiche possono essere di diverse tipologie, tra cui le più comuni sono le batterie al litio, che sono leggere, compatte e hanno una buona densità energetica. L'efficienza del sistema dipende dalla capacità della batteria, dall'efficienza dell'inverter e dalla gestione intelligente del sistema.

Questi sistemi contribuiscono a rendere l'energia solare più affidabile e accessibile, consentendo agli utenti di sfruttare al massimo l'energia prodotta dai loro impianti fotovoltaici.


Prezzo delle batterie per fotovoltaico: cosa sapere

I prezzi delle batterie di accumulo fotovoltaico possono variare notevolmente in base a diversi fattori, tra cui la capacità della batteria, la tecnologia utilizzata, il produttore, la qualità del prodotto e la regione geografica. Nel corso degli anni, i prezzi delle batterie sono diminuiti, ma possono ancora essere significativamente differenti in diverse parti del mondo.

Diversi fattori influenzano il costo delle batterie di accumulo fotovoltaico, tra cui:

  • Capacità: Le batterie con una maggiore capacità di stoccaggio solitamente presentano un costo più elevato. Questa capacità viene solitamente misurata in kilowatt-ora (kWh), rappresentando la quantità di energia che possono immagazzinare.
  • Tecnologia: Esistono diverse tecnologie di batterie disponibili sul mercato, come le batterie al litio, al piombo-acido e altre tecnologie emergenti. Le batterie al litio, sebbene spesso più costose, offrono solitamente un'elevata efficienza e durata rispetto ad alcune alternative.
  • Garanzia e durata: Le batterie con una garanzia più lunga e una durata maggiore possono presentare un costo iniziale più elevato. Tuttavia, offrono maggiore affidabilità nel lungo termine e una vita utile più prolungata, riducendo potenzialmente i costi nel tempo.
  • Marca e qualità: Produttori di batterie con una solida reputazione e prodotti di alta qualità tendono ad avere prezzi più alti. Questo riflette spesso la maggiore affidabilità e prestazioni superiori dei loro prodotti.
  • Installazione: Il costo totale può includere anche l'installazione del sistema, che può variare in base alla complessità dell'installazione e alle tariffe degli installatori. La necessità di modifiche strutturali o di cablaggio aggiuntivo può influenzare il costo complessivo del progetto.

Nell'infografica sottostante trovi riassunti tutti i fattori che possono influenzare il prezzo delle batterie per fotovoltaico:

Prezzi batterie fotovoltaico
Prezzi batterie fotovoltaico

Il prezzo delle batterie per fotovoltaico al litio ferro fosfato

Otovo offre batterie per sistemi fotovoltaici con tecnologia al litio ferro fosfato. Il costo medio di queste batterie si aggira intorno ai 370€ per ogni kilowatt-ora (kWh), escluse IVA, spese di trasporto, installazione e pratiche accessorie.

Per valutare il prezzo complessivo di un sistema di accumulo, è essenziale considerare diversi fattori, inclusa la tipologia e la potenza del sistema. È fondamentale determinare preventivamente il numero di kWh necessari, il che non può essere dedotto solo dalla potenza nominale in kWp del proprio impianto fotovoltaico o dal numero di membri del nucleo familiare. È necessario avere una stima accurata dei consumi energetici e delle esigenze specifiche in termini di kWh.

Inoltre, altri elementi come l'IVA, le spese di trasporto e installazione possono influenzare il costo finale del sistema di accumulo. È consigliabile consultare un professionista del settore per ottenere una valutazione dettagliata e personalizzata in base alle proprie esigenze e al proprio contesto abitativo. Una pianificazione attenta può contribuire a garantire un investimento efficiente e adeguato alle proprie necessità energetiche.


Sistemi di accumulo per fotovoltaico: come adeguarne la capacità al fabbisogno energetico

Alla luce del cambiamento delle abitudini di consumo, successive all’installazione di un impianto fotovoltaico residenziale, è consigliabile verificare per circa 6 mesi l’andamento dei consumi, in modo da rilevare il migliore sistema di accumulo da installare in un secondo momento.

Per esempio, una famiglia che possiede un impianto fotovoltaico da 3 kWp potrebbe consumare istantaneamente molta energia prodotta direttamente dai pannelli solari. Non è necessario quindi uno stoccaggio con grandi capacità. Potrebbe bastare una batteria da 2 kWh, forse al massimo 4.

Invece, un’altra famiglia che non è a casa durante il giorno consuma molta energia la sera, nel momento in cui l’impianto fotovoltaico ha un basso - se non nullo - rendimento. In questo caso si riscontrerebbe utile e necessario l’installazione di una batteria per fotovoltaico con una potenza sostenuta, in modo da poter utilizzare l’energia accumulata durante la giornata anche alla sera.

È da prendere in considerazione anche il caso di chi vorrebbe installare un impianto fotovoltaico con accumulo per iniziare a gestire anche i suoi consumi energetici futuri. Questo potrebbe legarsi molto bene con il desiderio di avere un’auto elettrica che si alimenta anche con l’energia solare. Quindi la domanda successiva sorge spontanea: quando potrò ricaricare l’auto? Di giorno quando produce il fotovoltaico? Oppure la notte, sfruttando il sistema di accumulo o lo scambio sul posto?

Queste sono tutte variabili da prendere in considerazione se si sta pensando di installare una batteria per fotovoltaico. Noi del team Otovo ti possiamo dare la migliore consulenza al riguardo.

Richiedi una consulenza

Utilizzare l'energia solare per abbattere la spesa del gas

L'installazione di sistemi di accumulo fotovoltaico si rivela particolarmente vantaggiosa per ridurre le spese relative al riscaldamento a gas. Questo è reso possibile tramite l'impiego di pompe di calore per il riscaldamento, un'opzione sempre più popolare per migliorare l'efficienza energetica degli edifici.

L'aumento costante dei prezzi dell'energia e del gas ha spinto sempre più persone a considerare l'utilizzo di impianti fotovoltaici con sistemi di accumulo. Questi sistemi consentono di immagazzinare l'energia prodotta dai pannelli solari durante il giorno e di utilizzarla durante le ore di minor irraggiamento solare o quando i consumi sono più elevati, come durante le ore serali.

Se sei interessato a investire in un sistema di accumulo, potresti valutare l'acquisto di un sistema con una capacità di 10 o 15 kWh. Queste capacità sono sufficienti per molte famiglie e consentono di massimizzare l'utilizzo dell'energia solare autoprodotta, riducendo al contempo la dipendenza dalla rete elettrica tradizionale e i costi associati all'energia e al gas.

Tuttavia, è importante valutare attentamente le proprie esigenze energetiche e consultare un professionista del settore per ottenere consigli personalizzati e una valutazione accurata del sistema più adatto alle tue necessità.


Batterie per fotovoltaico: i prezzi completi di installazione

Per prima cosa, è fondamentale comprendere che ci sono due principali tipologie di interventi quando si tratta di impianti fotovoltaici:

  • Acquisto simultaneo del sistema di accumulo e dell'impianto fotovoltaico: Questa opzione prevede l'acquisto e l'installazione contestuale sia del sistema di pannelli solari sia delle batterie di accumulo. Questo approccio integrato permette di progettare l'intero sistema in modo ottimale sin dall'inizio, assicurando che tutti i componenti funzionino armoniosamente insieme. La sincronizzazione tra il generatore fotovoltaico e il sistema di accumulo può essere ottimizzata, garantendo così un'efficienza massima e un migliore ritorno sull'investimento.
  • Acquisto successivo, noto come installazione in retrofit: Questa modalità riguarda l'aggiunta di un sistema di accumulo a un impianto fotovoltaico già esistente. L'installazione in retrofit è particolarmente utile per chi ha già investito in pannelli solari e desidera migliorare l'efficienza del proprio impianto aggiungendo la capacità di immagazzinare l'energia prodotta in eccesso. In questo caso, l'intervento richiede un'analisi dettagliata per assicurarsi che il sistema di accumulo sia compatibile con l'impianto esistente e possa essere integrato senza problemi.

Quando si sceglie di aggiungere un sistema di accumulo, è importante la scelta dell'inverter.

L'inverter è un componente essenziale che converte l'energia immagazzinata nelle batterie (che è in corrente continua, o DC) in energia utilizzabile per la casa o l'azienda (in corrente alternata, o AC). Questo processo di conversione è cruciale per utilizzare l'energia accumulata nei momenti in cui la produzione fotovoltaica non è sufficiente, come durante la notte o nelle giornate nuvolose.

Nel caso dell'installazione in retrofit, è importante assicurarsi che l'inverter scelto sia compatibile con il sistema fotovoltaico. Esistono soluzioni sul mercato che sono progettate specificamente per essere aggiunte a impianti già operativi, facilitando l'integrazione e minimizzando i tempi di inattività. In ogni caso, l'intervento di un professionista esperto è fondamentale per valutare le specifiche tecniche e garantire che l'intero sistema funzioni in modo efficiente e sicuro.

In sintesi, sia che si scelga di installare un sistema di accumulo insieme a un nuovo impianto fotovoltaico, sia che si opti per un'installazione in retrofit, è essenziale pianificare attentamente e consultare esperti del settore. Questo assicurerà che si ottenga il massimo beneficio dall'investimento, migliorando l'efficienza energetica e contribuendo alla sostenibilità ambientale.

Come già detto qualche paragrafo fa, le variazioni di prezzo dipendono da diversi fattori, tra cui:


La capacità delle batterie per fotovoltaico

Se possiedi già un impianto fotovoltaico, per determinare la capacità appropriata di un accumulatore, il primo passo è esaminare attentamente la tua bolletta energetica.

In particolare, dovresti analizzare il tuo consumo medio annuale di energia espresso in kilowattora (kWh). Questo dato ti fornirà una base solida per capire di quanta capacità di accumulo hai bisogno per massimizzare l'efficienza del tuo sistema fotovoltaico.

È importante essere consapevoli che raggiungere immediatamente il 100% di autoconsumo utilizzando solo gli accumulatori è un obiettivo molto ambizioso e, nella maggior parte dei casi, difficilmente realizzabile fin da subito. Tuttavia, l'installazione di un impianto a isola può rendere questo traguardo più accessibile.

Un impianto a isola è un sistema indipendente che non è collegato alla rete elettrica nazionale e che, grazie a batterie di accumulo e un adeguato dimensionamento, può soddisfare interamente le esigenze energetiche di un'abitazione o di un'azienda.

Questa soluzione, sebbene richieda un investimento iniziale significativo, offre il grande vantaggio di renderti autonomo dal punto di vista energetico. In situazioni in cui la rete elettrica è instabile o inesistente, un impianto a isola con adeguati sistemi di accumulo può garantire una fornitura costante e affidabile di energia. Inoltre, con il tempo, e grazie a un utilizzo ottimizzato delle risorse rinnovabili, potresti avvicinarti sempre di più all'autosufficienza energetica, riducendo ulteriormente la dipendenza dai fornitori di energia tradizionale e abbattendo i costi energetici.

Per approfondire queste considerazioni e valutare le soluzioni più adatte al tuo caso specifico, è consigliabile consultare un esperto del settore. Un professionista potrà offrirti una consulenza personalizzata, aiutandoti a scegliere il tipo di accumulatore più adatto, valutare la fattibilità di un impianto a isola e ottimizzare l'interazione tra il tuo impianto fotovoltaico e i sistemi di accumulo. In questo modo, potrai fare scelte informate e strategiche per migliorare l'efficienza energetica della tua casa o della tua attività.

Voglio passare al solare

Come calcolare la capacità e il dimensionamento necessario di un sistema di accumulo

Abbiamo visto come un impianto fotovoltaico con un buon sistema di accumulo può soddisfare fino al 75% del proprio fabbisogno energetico.

Ma quindi: come si calcola il dimensionamento migliore per le proprie batterie?

In realtà, è molto facile dedurlo. Mediamente, ogni famiglia consuma il 30% di energia direttamente dall’impianto fotovoltaico. Il sistema di accumulo può portare il livello di autoconsumo a un massimo del 75% (non può essere al 100% perché l’impianto fotovoltaico d’inverno fa fatica a ricaricare le batterie a causa di un irraggiamento inferiore dovuto alla stagionalità).

Dunque, ragionando con i numeri e prendendo come esempio un consumo medio annuale di 4000 kWh, come scritto poc’anzi, il consumo diretto dai pannelli solari dovrebbe corrispondere al 30% di 4000 kWh, ovvero 1200 kWh.

Di conseguenza, se il sistema di accumulo può portare il livello di autoconsumo al 75%, la capacità della nostra batteria dovrà corrispondere al 45% (calcolato facendo 75% - 30%) di 4000 kWh, e cioè 1800 kWh.

Infine, come ultimo passaggio per capire la capacità necessaria del sistema di accumulo, bisogna tenere in conto di quanti cicli completi di carica e scarica si effettuano in un anno con le batterie per fotovoltaico. Generalmente, questa cifra si aggira attorno a quasi un ciclo al giorno, e dunque - secondo le statistiche - 320 cicli all’anno.

Dividendo 1800 kWh per 320 cicli si avrà la capacità approssimativa che un sistema di accumulo dovrebbe avere bisogno per coprire un consumo annuale di 4000 kWh: ovvero 5,6 kWh.


L'accumulatore fotovoltaico ideale per il tuo impianto

Ora che hai ben chiaro quale sia la capacità della batteria ideale per il tuo impianto fotovoltaico, il prossimo passo è scegliere la tipologia di accumulatore più adatta alle tue esigenze. Ci sono diverse opzioni tra cui puoi scegliere in base a vari fattori.

Se prevedi un incremento del tuo fabbisogno energetico nel prossimo futuro, potresti optare per una batteria con una capacità superiore a quella attualmente necessaria. Questo ti consentirà di soddisfare eventuali aumenti nella domanda di energia senza dover aggiornare immediatamente il tuo sistema di accumulo.

Al contrario, se al momento non hai esigenze di energia particolarmente elevate, potresti scegliere un sistema di accumulo con una capacità più contenuta, con l'idea di aumentarla gradualmente nel tempo. È importante, però, assicurarsi che il sistema che intendi acquistare permetta questo tipo di espansione. Alcuni sistemi sono progettati per essere facilmente scalabili, consentendoti di aggiungere capacità aggiuntiva man mano che il tuo fabbisogno energetico cresce.

Per prendere una decisione informata e scegliere il sistema di accumulo più adatto alle tue necessità specifiche, ti consigliamo vivamente di richiedere una consulenza con uno dei nostri esperti. I nostri consulenti possono fornirti una valutazione dettagliata basata sulle caratteristiche del tuo impianto fotovoltaico, le tue abitudini di consumo energetico e le previsioni future del tuo fabbisogno energetico. In questo modo, potrai fare una scelta consapevole e sicura, assicurandoti che il sistema di accumulo selezionato sia perfettamente allineato alle tue esigenze presenti e future.

Richiedi una consulenza!

Perchè serve un ulteriore inverter?

Le utenze aziendali o domestiche sfruttano l’energia alternata, ma la batteria per fotovoltaico lavora in corrente continua. Dunque, l’inverter fotovoltaico ha il ruolo di trasformare l’energia in modo tale che sia fruibile sia in carica che in scarica.

Oggi, per chi ancora non ha installato un impianto fotovoltaico, c’è la possibilità di usufruire degli inverter “ibridi”, che quindi lavorano sia per l’impianto fotovoltaico, che per la batteria.

Con questa soluzione non c’è bisogno di spendere per un ulteriore inverter dedicato solo alle batterie.


Le batterie per fotovoltaico: l'offerta di Otovo

Attualmente collaboriamo esclusivamente con i principali produttori di batterie solari che si contraddistinguono per l'utilizzo delle migliori tecnologie di produzione.

I principali marchi di batterie con cui lavoriamo sono:

Queste batterie sono compatibili con le marche di inverter solari che includiamo nei nostri sistemi fotovoltaici.

Per poter completare l'installazione e l'allaccio di un impianto fotovoltaico con accumulo è necessario avviare una pratica Enel e avvisare il GSE. Oltre a ciò, è indispensabile che i professionisti che procedono all'installazione dell'impianto rispettino la normativa CEI 0-21, una normativa relativa a questi tipi di interventi, che abbiano una formazione adeguata e che siano partner certificati dei produttori.

Noi di Otovo collaboriamo solamente con installatori qualificati. Per cui, se vuoi ricevere un preventivo personalizzato, ti consigliamo di inserire l'indirizzo di tuo interesse nella barra di ricerca sottostante. Ti invieremo un'offerta in meno di un minuto!


Domande frequenti

Posso usufruire dello Scambio sul Posto se ho un impianto fotovoltaico con accumulo?

Sì, l’impianto di accumulo non preclude la possibilità di immettere energia nella rete, ma esso avrà ovviamente la precedenza rispetto allo scambio sul posto. L’autoconsumo, infatti, è il principale obiettivo degli impianti fotovoltaici e la modalità più conveniente per risparmiare sulla bolletta elettrica.

Come devono essere smaltite le batterie di accumulo e chi se ne occupa?

Trattandosi di rifiuti “speciali” e, in alcuni casi, “tossico-nocivi”, le batterie per gli impianti di accumulo fotovoltaico vanno raccolte nelle apposite sedi, da aziende specializzate e dotate delle necessarie autorizzazioni. Sono quindi gli stessi installatori a farsi carico dello smaltimento delle batterie installate presso i clienti, quando queste arrivano a fine vita o nel caso risultino dannose o non più funzionanti.

Ricevi un'offerta!
Ti sei iscritto correttamente a Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Bentornato! Sei entrato correttamente.
Bene! Ti sei iscritto correttamente.
Il tuo link è scaduto
Benissimo! Controlla la tua mail per trovare il link per accedere.