Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Modifica green per gli articoli 9 e 41 della Costituzione

Giornata storica per Palazzo Chigi: la tutela dell’ambiente è entrata ufficialmente nella nostra Costituzione. Inoltre, il concetto di ambiente è da intendersi nell’accezione più ampia possibile, accompagnato dalla tutela della biodiversità e degli ecosistemi per salvaguardare il nostro pianeta nell’interesse delle future generazioni.

Lo scorso 8 febbraio 2022 si è avuta l’approvazione della Camera - con 468 sì, 1 no e 6 astenuti - della legge costituzionale che introduce la tutela dell’ambiente nella carta fondamentale della Repubblica. Ciò comporta le modifiche immediate degli articoli 9 e 41, presentate nel 2019 dal M5S con prima firma del senatore Gianluca Perilli.


I cambiamenti: l'articolo 9

Nella precedente versione dell’articolo 9 - che rientra tra i principi fondamentali - erano enunciati solo i principi della tutela del paesaggio e del patrimonio storico-artistico della nazione.

Con l’aggiunta di questo straordinario comma si attribuisce alla Repubblica anche la tutela dell’ambiente, sottolineando espressamente i diritti delle future generazioni e focalizzandosi anche sul principio di tutela degli animali.

Il nuovo articolo 9 della Costituzione recita:

“La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali.”

Come detto precedentemente, il concetto di ambiente è inteso in un’accezione più integrativa, poiché vi è accostato anche il concetto di biodiversità e ciò comporta una fuoriuscita dai binari di una visione esclusivamente antropocentrica, assimilando l’ambiente a un valore a sé stante.

Di grande valore anche il focus sulle generazioni future, concetto introdotto per la prima volta nella nostra Costituzione. Si può affermare che ci sia stata un'accelerazione in questo senso grazie alle manifestazioni sui cambiamenti climatici che hanno coinvolto sempre più giovani (confermato anche dalle conclusioni emerse dal Cop26 di Glasgow), dimostrando come le nuove generazioni abbiano a cuore la salvaguardia del pianeta e, soprattutto, vogliano impegnarsi seriamente per trovare una soluzione al cambiamento climatico. Inoltre, è giusto menzionare le plurime cause legali contro Stati europei per inazione climatica: un punto sicuramente su cui si è fatto leva per il coinvolgimento delle future generazioni nella nostra Costituzione. Da oggi, infatti, potenziali contenziosi per accelerare la riduzione delle emissioni e la transizione ecologica hanno un appiglio in più.

Infine, per quanto riguarda il passaggio sulla tutela degli animali, quest’ultimo è stato introdotto nella forma di una riserva di legge statale. In altre parole, la Repubblica è tenuta a tutelare gli animali e lo Stato deve provvedere alla determinazione per via legislativa delle forme e i modi.


I cambiamenti: l’articolo 41

“L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla salute, all’ambiente, alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali.”

Sono stati aggiunti due nuovi vincoli all’articolo che disciplina l’iniziativa economica: che è considerata libera, ma non può danneggiare la salute e l’ambiente. Con queste specificazioni, i concetti di salute e ambiente sono stati finalmente elevati a condizione di principi fondamentali.


Un traguardo storico

Una giornata storica per il Paese”, queste le parole di un tweet direttamente da Palazzo Chigi. Come Roberto Cingolani, ministro della Transizione Energetica, che, invece, la definisce una “giornata epocale”:

“Questo voto del Parlamento segna una giornata epocale: testimonio qui la presenza del governo che crede in questo cambiamento, grazie al quale la nostra Repubblica introduce nei suoi principi fondanti la tutela dell’ambiente”.

Insomma, sotto ogni punto di vista e per qualsiasi personalità - politica, pubblica o privata che sia - queste nuove introduzioni nella nostra Costituzione non possono che rappresentare un punto di svolta verso una consapevolezza ambientale sempre più necessaria.

Noi di Otovo abbiamo capito l'importanza della salvaguardia del nostro ambiente, ed è proprio per questo che ti offriamo la possibilità di installare un impianto fotovoltaico sul tuo tetto che produca energia pulita e che ti possa aiutare a raggiungere l'indipendenza energetica.

Inizia a produrre energia pulita con Otovo!

You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.