Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Contro il caro energia il riscaldamento verrà ridotto

Sono state presentate dal Governo le prime misure per il piano di risparmio del gas in previsione del prossimo inverno, con il quale verranno imposte limitazioni da applicare sia alle abitazioni private che agli edifici pubblici.

Contro l’emergenza gas che non accenna ad arrestarsi, in Italia si punta a un risparmio energetico che vedrà coinvolti tutti i cittadini e le diverse realtà, per poter scongiurare gli scenari peggiori e diventare sempre più indipendenti dal gas russo.

In questo articolo vedremo quali sono i principali provvedimenti del Piano e quelli sui quali si discute, e come la transizione verso le energie rinnovabili potrebbe fare la differenza.

Prima di continuare la lettura, se sei pronto a percorrere una strada più sostenibile, con Otovo puoi farlo subito! Inserisci il tuo indirizzo nella barra di ricerca sottostante per ricevere un preventivo personalizzato per un impianto fotovoltaico e iniziare a produrre la tua energia pulita:


Cosa prevede il piano risparmi

Dal prossimo ottobre i termosifoni dovranno essere accesi per un’ora in meno al giorno e passeranno da 20°C a 19°C. In alcune zone del Paese, inoltre, quelle dove il clima è più mite, i gradi in meno per i termosifoni potrebbero scendere fino a due.

Questi sono i parametri del nuovo piano di risparmio, varati dal Ministro della Transizione Ecologica Cingolani e che varranno sia per gli stabili con riscaldamento centralizzato sia per gli impianti autonomi.

Si tratta di provvedimenti mirati che dopo l’ulteriore aumento del prezzo del gas a cui abbiamo assistito in questi giorni risultano fondamentali e che, se applicati, potrebbero far risparmiare al nostro paese tra i 3 e i 6 miliardi di metri cubi di gas in un anno.

Ma per combattere il caro energia e aumentare il risparmio di gas saranno necessari ulteriori provvedimenti, che il Governo italiano sta discutendo proprio in questi giorni.

Sei curioso di scoprire quali sono? Vediamoli insieme!


Le altre misure in cantiere

In particolare sono due le misure su cui il Governo italiano sta riflettendo e che sono attese entro la prima metà di settembre e che riguarderanno il settore delle imprese.

I ministri stanno discutendo sulla possibilità di introdurre pacchetti di prezzi calmierati per le aziende energivore e quelle gasivore e un sistema di incentivi da corrispondere alle imprese che decidono di interrompere la produzione, rinviarla, o rimodulare le manutenzioni in modo da consumare meno.

Disposizioni urgenti, conferma il Governo, che potrebbero fare la differenza nel nostro paese anche in vista delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre, e che seguono la linea di accordi presi lo scorso luglio dalla Commissione Europea.

L’obiettivo è quello di limitare i consumi energetici nella prospettiva di una possibile interruzione totale delle forniture di gas in arrivo da Mosca, già ridotte con le continue chiusure degli ultimi mesi del gasdotto NordStream 1.

Queste misure di contenimento si accompagnano inoltre agli sforzi del Governo Italiano di ampliare le forniture in arrivo da diversi paesi: si punta soprattutto alle forniture africane e su quelle derivanti dall’attuale scoperta di un giacimento di gas al largo di Cipro.

Nonostante i prezzi lievitati e la necessità di tali misure, i dati italiani sulle riserve di gas sembrano però essere positivi, come affermato dal Ministro Cingolani. In un recente intervento ha infatti confermato che gli stoccaggi italiani si aggirerebbero intorno all’83% e si punta ad arrivare almeno al 90% entro la fine del mese di ottobre. Ma l’applicazione del Piano Risparmi e di ulteriori strette rimane di fondamentale importanza. Infatti, l’obiettivo a cui si punta è la totale indipendenza da Mosca entro il 2024.


Numeri positivi, ma non sufficienti

Nonostante questi provvedimenti mirino al risparmio, è necessario agire con un cambio di rotta se davvero si vuole combattere una volta per tutte il caro energia, e questa strada sono le energie rinnovabili.

Passa all'energia solare con Otovo

Una transizione verso fonti di energia pulita sempre più su larga scala permetterebbe infatti di accelerare la produzione energetica verso una fonte più rispettosa del nostro ambiente, messo ormai in estrema difficoltà.

Ma si tratta di una direzione da prendere insieme, una strategia integrata sul piano nazionale ed europeo, poiché rappresenta il modo migliore per evitare ulteriori indebolimenti e mettere le risorse del nostro pianeta in salvo.

Massimizzare l’efficacia delle fonti rinnovabili integrandole nel sistema elettrico è un obiettivo presente nei più importanti provvedimenti, come l’Agenda 2030 e il Next Generation EU, e in questo momento la sua attuazione sembra essere ancora più necessaria.


Conclusione

Quelli a cui stiamo andando incontro saranno mesi difficili, caratterizzati da numerosi sacrifici che tutti saremo tenuti a compiere.

Provvedimenti come quelli presi ci aiutano a comprendere la gravità del periodo storico che stiamo vivendo, di fronte al quale ogni azione sembra contribuire a un indebolimento che dobbiamo però essere in grado di contrastare in maniera sempre più efficace.

Si tratta di un tema delicato, di considerevole gravità, che viene trattato ogni giorno dai governi mondiali e che necessita un’azione comune applicata a tutto tondo e che miri a rivoluzionare la nostra attuale situazione.

Ma ciò che caratterizza questa rivoluzione è che essa può partire non solo dalle grandi istituzioni, ma può e deve partire anche da noi, dalla nostra realtà quotidiana.

Noi cittadini infatti possiamo scegliere di compiere il nostro passo verso la sostenibilità e installare un impianto fotovoltaico sul nostro tetto, con il quale produrremo un’energia pulita, rinnovabile e contribuiremo così a ridurre i consumi di gas.

Non solo quindi faremo del bene all’ambiente e al futuro del pianeta, ma le nostre bollette potranno abbassarsi considerevolmente.

Se sei pronto a compiere la tua rivoluzione solare, con Otovo puoi farlo subito!

Inizia a produrre energia pulita


Domande frequenti

Cosa prevede il piano di risparmio gas per le abitazioni?

Il piano di risparmio del gas prevede che dal prossimo ottobre i termosifoni dovranno essere accesi per un’ora in meno al giorno e passeranno da 20°C a 19°C.

Come ridurre il consumo di gas per il riscaldamento?

Passare all’energia rinnovabile installando un impianto fotovoltaico permette di ridurre i consumi di gas e, inoltre, contribuisce a fare del bene all’ambiente.

You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.