Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Il corretto riciclo dei pannelli fotovoltaici

Lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici è un argomento ancora poco trattato, poiché ci sembra una questione ancora lontana da dovere affrontare. In effetti, in Italia siamo solo all’inizio del lungo percorso verso le energie rinnovabili: il maggior incremento di installazione degli impianti fotovoltaici si è avuto negli ultimi 15 anni, e dunque, sapendo che la vita media dei pannelli fotovoltaici è di circa 25 anni, ci sembra un problema ancora lontano nel tempo.

In realtà, è bene informarsi subito sull’argomento, in modo da avere più consapevolezza ambientale e un occhio di riguardo per il nostro pianeta.

In questo articolo ti forniamo una guida riguardo lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici, vedremo nel dettaglio le caratteristiche, come smaltire i pannelli fotovoltaici nel modo corretto, i costi e molto altro ancora!

Non dimenticare di calcolare un preventivo gratuito e personalizzato per il tuo impianto fotovoltaico! Immetti l'indirizzo di tuo interesse nella barra di ricerca sottostante e riceverai un'offerta in meno di un minuto:

Sei pronto? Iniziamo!


Smaltimento pannelli fotovoltaici: qualche informazione per te

Quando ci riferiamo allo smaltimento dei pannelli solari, intendiamo il processo di gestione finale dei pannelli fotovoltaici quando raggiungono la fine della loro vita utile o diventano obsoleti.

Il corretto smaltimento dei pannelli solari riveste una grande importanza per diverse motivazioni:

  • Riduzione dei rifiuti: I pannelli solari contengono materiali che, se non smaltiti in modo appropriato, possono essere dannosi per l'ambiente. Un adeguato processo di smaltimento contribuisce a diminuire il rischio di inquinamento del suolo, dell'acqua e dell'aria, svolgendo così un ruolo essenziale nella gestione responsabile dei rifiuti.
  • Recupero di materiali: Molti componenti dei pannelli solari, quali vetro, alluminio e silicio, possono essere riciclati e riutilizzati nella produzione di nuovi pannelli o altri manufatti. Tale pratica di recupero riduce la necessità di estrazione di nuove risorse naturali, promuovendo una gestione sostenibile delle risorse e contribuendo a mitigare l'impatto ambientale complessivo.
  • Minimizzazione degli impatti ambientali: Il corretto smaltimento dei pannelli fotovoltaici è cruciale per ridurre gli impatti ambientali associati all'energia solare nel suo insieme. Assicurare un ciclo di vita sostenibile per i pannelli solari è fondamentale per garantire che l'energia solare rimanga un'opzione ecologicamente responsabile, limitando al minimo gli effetti negativi sull'ambiente.

In sintesi, lo smaltimento corretto dei pannelli fotovoltaici è fondamentale per garantire la sostenibilità e l'efficacia dell'energia solare nel lungo termine, riducendo gli impatti ambientali e promuovendo la conservazione delle risorse.

Bene, proseguiamo il nostro articolo sullo smaltimento dei pannelli fotovoltaici rispondendo subito a una domanda: cosa sono e cosa significa RAEE?


RAEE: cosa sono?

RAEE è l’acronimo di “rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche”, e in questa categoria vi rientrano anche i pannelli solari. Ovviamente, lo smaltimento dei RAEE, e dei fotovoltaici nello specifico, deve avvenire secondo dinamiche ambientalmente compatibili e rispettose.

Si distinguono due tipologie di RAEE fotovoltaici determinate dalla loro potenza:

  • RAEE “professionali”: rifiuti generati da pannelli fotovoltaici installati in impianti di potenza nominale superiore o uguale a 10 kW.
  • RAEE “domestici”: rifiuti prodotti da pannelli solari installati in impianti di potenza nominale inferiore a 10 kW. Lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici di un impianto domestico deve essere preso in carico ed effettuato dal proprietario presso il Centro di Raccolta dei RAEE di riferimento, comodamente rintracciabile dal sito ufficiale del Centro di Coordinamento. Essendo lo smaltimento a carico del produttore il costo non graverà sul proprietario, sarà quindi gratuito.
Tipologie di RAEE
Tipologie di RAEE

Normativa RAEE del 2014 per lo smaltimento degli impianti professionali

La legislazione sui Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) del 2014 rappresenta un'aggiunta alla Direttiva Europea del 2012 e stabilisce due differenti approcci per lo smaltimento delle apparecchiature RAEE professionali, a seconda della data di installazione. Ecco i dettagli:

  • Impianti installati prima del 12 aprile 2014: In questa situazione, il costo dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici ricade sul proprietario. Tuttavia, è prevista la possibilità del ritiro "Uno Contro Uno". Ciò significa che se il proprietario decide di acquistare un nuovo impianto, il produttore del nuovo sistema sarà responsabile dello smaltimento di quello vecchio.
  • Impianti fotovoltaici installati dopo il 12 aprile 2014: In questo contesto, il costo dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici a carico del produttore anziché del proprietario. Di conseguenza, il proprietario non dovrà sostenere alcuna spesa per il processo di smaltimento, poiché questa responsabilità è stata trasferita al produttore. Ciò promuove una gestione più sostenibile dei rifiuti elettronici, contribuendo a garantire che i costi e le responsabilità siano equamente distribuiti e incentivando il riciclo e il riutilizzo delle apparecchiature.

Andiamo ora a vedere quali sono le modalità di smaltimento dei pannelli fotovoltaici!


Le modalità di smaltimento dei pannelli fotovoltaici

Parliamo ora di come smaltire i pannelli fotovoltaici e di analizzare le corrette modalità.

Partiamo dal presupposto che tutti i materiali che compongono i pannelli fotovoltaici sono altamente riciclabili: essendo prevalentemente composti da vetro e alluminio, i moduli scomposti nei vari materiali al momento dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici raggiungono una percentuale di riciclo del 95% (se vuoi approfondire questo argomento ti consigliamo di leggere il nostro articolo sull'impatto ambientale dei pannelli fotovoltaici). Tuttavia, ad oggi, le migliori tecnologie sul mercato permettono di recuperare almeno il 98% dell’intero peso del pannello. Nello specifico, da un pannello fotovoltaico da 21 kg si possono ricavare 15 kg di vetro, quasi 3kg di materiale plastico, 2 kg di alluminio, 1kg di polvere di silicio e 10g di rame.

I RAEE fotovoltaici “domestici”, una volta giunti a fine ciclo, devono essere portati dal Soggetto Responsabile a un Centro di Raccolta, facilmente rintracciabile tramite la consultazione del sito istituzionale del Centro di Coordinamento RAEE. Come accennato poc’anzi, il costo dello smaltimento dei RAEE fotovoltaici “domestici”, nonché le operazioni di recupero, sono totalmente a carico dei produttori, rendendo l’operazione gratuita per il proprietario dell’impianto solare.

Per ciò che concerne lo smaltimento dei RAEE fotovoltaici “professionali”, invece, il Soggetto Responsabile dovrà portare i pannelli a un Impianto di Trattamento Autorizzato. Come specificato nel paragrafo precedente, i costi delle operazioni di smaltimento dei pannelli fotovoltaici gravano - per tutti gli impianti fotovoltaici entrati in esercizio prima del 12 aprile 2014 - sul produttore nel caso in cui si tratti di una sostituzione, sul proprietario in tutti gli altri casi. Successivamente a questa data il costo invece è a carico del produttore.

Esclusivamente nel caso di smaltimento di RAEE fotovoltaico “professionale” il Soggetto Responsabile avrà la possibilità di richiedere al GSE (il Gestore dei Servizi Elettrici) la completa gestione delle operazioni di raccolta, trasporto, trattamento adeguato, recupero e smaltimento ambientalmente compatibile dei rifiuti prodotti dai pannelli fotovoltaici incentivati.

Richiedi una consulenza

Quanto costa lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici?

Quanto costa lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici? La questione dei costi dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici è una considerazione importante per coloro che optano per l'installazione di un impianto fotovoltaico, sia a livello residenziale che aziendale, per migliorare l'efficienza energetica delle proprie strutture. Una volta che i pannelli solari raggiungono la fine della loro vita utile, sorge spontanea la domanda sui costi associati allo smaltimento.

La determinazione dei costi di smaltimento dei pannelli fotovoltaici dipende da diversi fattori, che ora andiamo a vedere.

Chi paga lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici?

La gestione dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici è un aspetto cruciale nella gestione a lungo termine degli impianti solari. Le normative in materia stabiliscono chi è responsabile di questo processo, differenziando tra impianti di potenza inferiore o superiore a 10 kWp e data di installazione degli impianti.

  • Per gli impianti fotovoltaici con una potenza fino a 10 kWp o quelli con potenza superiore installati dopo il 12 aprile 2014, la responsabilità dello smaltimento ricade sul produttore. Questo significa che il produttore è tenuto a gestire il processo di smaltimento in conformità alle normative vigenti, garantendo che i pannelli vengano trattati in modo sicuro e rispettoso dell'ambiente.
  • Per gli impianti fotovoltaici con potenza superiore a 10 kWp installati prima del 12 aprile 2014, o per quelli di potenza inferiore senza indicazione temporale specifica, la responsabilità dello smaltimento ricade sul proprietario dell'impianto. In questo caso, è compito del proprietario assicurarsi che i pannelli fotovoltaici vengano smaltiti in conformità alle leggi e alle normative locali e nazionali.

È importante sottolineare che lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici deve essere gestito in modo adeguato per evitare potenziali impatti negativi sull'ambiente e sulla salute umana. Ciò include il riciclo dei materiali preziosi contenuti nei pannelli, come il silicio e l'alluminio, e la corretta gestione dei materiali tossici presenti, come il piombo e il cadmio. La cooperazione tra produttori, proprietari di impianti e autorità competenti è essenziale per garantire un processo di smaltimento sicuro ed efficiente per i pannelli fotovoltaici fuori uso.


Tutti i vantaggi dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici

Lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici, se eseguito correttamente, porta diversi vantaggi sia in termini ambientali che economici. L'attenzione crescente verso la sostenibilità e il riciclo ha evidenziato i benefici di una corretta gestione dei moduli fotovoltaici alla fine del loro ciclo di vita. Ecco una panoramica dei principali vantaggi.

Per quanto riguarda i vantaggi economici:

  • Creazione di nuovi mercati e opportunità di lavoro nel settore del riciclo e del recupero dei materiali.
  • Riduzione dei costi di produzione grazie al recupero di materiali, rendendo l'energia solare più accessibile e conveniente.

Per quanto riguarda i vantaggi ambientali:

  • Riduzione dei rifiuti: Lo smaltimento appropriato dei pannelli solari contribuisce significativamente alla riduzione della quantità di rifiuti destinati alle discariche, soprattutto considerando i materiali a decomposizione lenta.
  • Recupero di materiali preziosi: I pannelli solari contengono materiali preziosi come il silicio, l'argento e l'alluminio, che possono essere recuperati e riutilizzati in nuovi prodotti, riducendo così la necessità di estrazione di nuove materie prime.
  • Sostegno all'economia circolare: Il riciclo dei componenti dei pannelli solari promuove l'economia circolare, contribuendo a un utilizzo più efficiente delle risorse e a una riduzione dello spreco.

Infine, per quanto riguarda i vantaggi sociali:

  • Promozione della responsabilità ambientale e adozione di comportamenti sostenibili sia tra le aziende che tra i consumatori.
  • Miglioramento della salute pubblica riducendo il rischio di contaminazione del suolo e delle acque.
I vantaggi dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici
I vantaggi dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici

Smaltimento pannelli fotovoltaici: i nuovi progetti sperimentali del futuro

Pannelli fotovoltaici da riciclo: un progetto UE PHOTORAMA

Il progetto UE PHOTORAMA, finanziato dal programma Horizon2020 con 8,4 milioni di euro, ha come obiettivo lo sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative per massimizzare il recupero di materie prime da pannelli solari a fine vita, in modo da implementare una filiera industriale europea di produzione in ottica di economia circolare.

"La tecnologia che svilupperemo grazie a questo progetto permetterà di recuperare dai pannelli a fine vita quasi il 100 per cento dei materiali e con una grado di purezza mai raggiunto prima. [...] Centrare questo obiettivo aiuterebbe l’intera industria solare a compiere un enorme passo in avanti rispetto agli attuali standard di riciclaggio e, soprattutto, a ridurre la dipendenza dell’Europa dalle importazioni di materie prime critiche".

Questo il commento di Massimo Izzi, responsabile per ENEA del progetto PHOTORAMA.

Il progetto di ricerca si focalizzerà sull'eco-design dei moduli solari per l'elaborazione di una tecnica produttiva che renda tutte le componenti del pannello facilmente riciclabili. La nuova linea industriale si servirà di una tecnologia innovativa di delaminazione in grado di separare efficientemente le celle solari dalla lastra di vetro, mentre in contemporanea processi chimico-fisici consentiranno di recuperare tutti gli altri materiali.

Un sistema waterless per pulire i pannelli solari

Per la massima efficienza dei tuoi pannelli solari è prerogativa fondamentale che il tuo impianto sia sempre ben pulito. Agenti esterni come polvere, sabbia, smog ecc. possono infatti ridurre la resa in maniera significativa. Ma se da un lato è importante mantenere i tuoi pannelli sempre puliti, dall'altro è necessario attuare questa azione nella maniera più sostenibile possibile.

Agenti esterni
Agenti esterni

Secondo una stima del MIT (Massachusetts Institute of Technology), la pulizia dei pannelli solari installati a livello mondiale richiederebbe circa 37 miliardi di litri d'acqua all'anno. A fornire un'alternativa più sostenibile è lo stesso MIT, che ha messo a punto un sistema in grado di rimuovere la sporcizia senza addirittura toccare il modulo. Il processo innovativo utilizza la repulsione elettrostatica per far distaccare le particelle della polvere.

Il mercato del riciclo solare varrà 2,7 mld nel 2030

Il mercato del riciclo fotovoltaico potrebbe beneficiare parecchio dell’attuale crisi. Secondo la nuova analisi di Rystad Energy, società indipendente di ricerca energetica e business intelligence, con una domanda di impianti solari in crescita e gli attuali colli di bottiglia nelle forniture di materie prime e componenti, l’economia circolare rappresenterebbe l’unica soluzione praticabile contro eventuali tagli nell’offerta. Una soluzione che entro la fine del decennio potrebbe valere ben 2,7 miliardi di euro. Ricordiamo, inoltre, che attualmente il segmento vale circa 170 milioni di dollari e riesce a catalizzare solo lo 0,08% degli investimenti globali nel fotovoltaico.


Per concludere

In questo articolo, abbiamo esaminato approfonditamente tutte le informazioni cruciali riguardanti lo smaltimento dei pannelli solari e sottolineato l'importanza di questa operazione.

Prima di concludere, desideriamo ribadire l'importanza e l'impatto positivo che la transizione al fotovoltaico può avere sulla tua vita e sul tuo futuro.

L'installazione di un impianto fotovoltaico offre notevoli vantaggi sia dal punto di vista ambientale che economico. I pannelli solari trasformano la luce solare in elettricità pulita, contribuendo a ridurre l'impatto ambientale e la dipendenza dai combustibili fossili. Ciò promuove una maggiore indipendenza energetica e, nel lungo termine, può comportare significativi risparmi sui costi energetici, supportati anche da incentivi e agevolazioni governative.

Inoltre, l'installazione di un impianto fotovoltaico può aumentare il valore dell'immobile e contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici.

In sintesi, la scelta di passare all'energia solare rappresenta un investimento ecologico ed economico che apporta benefici sia a livello individuale che collettivo, promuovendo la sostenibilità ambientale e la riduzione dei costi energetici.

Cosa aspetti allora? Calcola subito il tuo preventivo cliccando il link qui sotto!

Clicca qui

Domande frequenti

Come posso smaltire i miei pannelli solari?

Lo smaltimento di un impianto domestico deve essere effettuato dal proprietario presso il Centro di Raccolta dei RAEE di riferimento, rintracciabile tramite il sito ufficiale del Centro di Coordinamento. Lo smaltimento è carico del produttore, quindi per il proprietario è gratuito.

Ricevi un'offerta!
Ti sei iscritto correttamente a Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Bentornato! Sei entrato correttamente.
Bene! Ti sei iscritto correttamente.
Il tuo link è scaduto
Benissimo! Controlla la tua mail per trovare il link per accedere.