Inizia a risparmiare ora con Otovo. Scopri ora il potenziale del tuo tetto!

Un articolo in aggiornamento sul Superbonus 110

Con la bozza del Decreto Rilancio 2022, sono sorte numerose domande in merito al Superbonus 110 e alla cessione del credito. Infatti, anche se è chiaro che il Superbonus 110% sarà presente come agevolazione per l’edilizia anche nel 2022, sono state apportate alcune modifiche. In questo articolo cercheremo  di chiarire tutti i dubbi relativi a questo argomento, tenendo sempre in considerazione che si tratta ancora di una bozza, e che avremo più informazioni concrete solo alla fine di quest’anno.


Superbonus 110% nel 2022: i principali cambiamenti

Attualmente, sono già numerosi i cambiamenti relativi al Superbonus 110, ma non sono finiti qui. Infatti, il testo definitivo della Legge di Bilancio verrà approvato entro la fine dell’anno e ci chiarirà tutti i nostri dubbi. Ciononostante, possiamo fare il punto dei principali cambiamenti che sappiamo fino ad oggi.

Il Superbonus 110 dovrebbe essere prorogato per altri 4 anni, fino al 2025, ma con un‘aliquota decrescente. Infatti, si stima sia possibile effettuare lavori di riqualificazione energetica delle proprie abitazioni o della riduzione del rischio sismico usufruendo del 110%, ma solo fino al 2023.

Altro punto da sottolineare sono le scadenze. Infatti, il Superbonus 110 potrà essere richiesto fino al 31 dicembre 2021 anche anche per gli edifici unifamiliari di persone fisiche, ma con condizioni specifiche:

  • Se la CILA, ovvero il modulo per richiedere il Superbonus 110%, è stata presentata entro il 30 settembre 2021;
  • Per gli interventi di demolizione e ricostruzione, in cui la burocrazia per l’ottenimento del titolo abilitativo dovrà  risultare già avviata al 30 settembre 2021;
  • Gli interventi eseguiti sulle villette sono stati effettuati da persone fisiche. Dapprima questo punto era valido solo per gli individui con un ISEE inferiore a 25.000 €. Tuttavia, sembra molto probabile che il 110% per la ristrutturazione di villette e case unifamiliari continuerà senza alcun limite legato al reddito.

Superbonus e Istituti Autonomi Case Popolari (IACP)

Per gli IACP, il limite temporale entro il quale si possono detrarre le spese si estende fino al 31 dicembre 2022. È possibile prorogare questo periodo ulteriormente fino al 30 giugno 2023, qualora siano stati completati almeno il 60% dei lavori al 31 dicembre 2022.

Oltre agli IACP, rientrano in questa categoria anche tutti gli istituti nella forma di società che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di in house providing.


Superbonus e condomini nel 2022

Per i condomini, il limite temporale è esteso fino al 31 dicembre 2022, qualora siano stati completati almeno il 60% dei lavori al 30 giugno 2022. Inoltre è bene precisare che:

  • Non è possibile richiedere il Superbonus 110 qualora l’unico proprietario di tutte le unità immobiliari di un edificio conceda  in locazione, o in comodato, tutte o alcune delle unità immobiliari a più soggetti.
  • Se, invece, le unità immobiliari dell’edificio appartenenti a diversi proprietari sono concesse in locazione o in comodato a un unico soggetto, è possibile richiedere il Superbonus 110.

E per il Bonus facciate?

Anche il Bonus facciate ha ottenuto la proroga per il 2022. Questo incentivo consiste in una detrazione e delle spese sostenute per il restauro o recupero della facciata esterna degli edifici, includendo anche le strutture opache della facciata, i balconi, gli ornamenti e i fregi.

Tuttavia, rispetto al 2021 ci sono delle differenze: la detrazione non sarà più al 90% ma al 60%.


Superbonus 110 e fotovoltaico: cosa succede?

Dalla bozza si evince che il Superbonus 110 è stato prorogato solo fino al 30 giugno 2022 per il fotovoltaico e i sistemi di accumulo con un tetto di spesa di 48.000 euro. Questo andrebbe a cambiare gli attuali massimali dell'ecobonus 110.

Rimane comunque il fatto che per richiedere il Superbonus 110, l’installazione di un impianto fotovoltaico, e della relativa batteria di accumulo, devono essere fatti insieme a lavori trainanti quali:

  • Cappotto termico per abitazioni monofamiliari o plurifamiliari
  • Sostituzione dell’impianto di riscaldamento e/o raffrescamento con impianti centralizzati
  • Lavori antisismici
Voglio un preventivo


Cessione del credito e sconto in fattura nel 2022

La cessione del credito e lo sconto in fattura rimangono anche nel 2022. Va notato che questi saranno validi solo per il Superbonus 110, mentre coloro che vogliono richiedere il bonus ristrutturazioni non avranno la possibilità di beneficiare né della cessione del credito, né dello sconto in fattura.

Tuttavia non è ancora nulla di certo dato che la rabbia dei costruttori e proprietari riuniti in Confedelizia ha fatto fare marcia indietro al Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Viste le incertezze ti consigliamo di usufruire al più presto dello sconto in fattura. Infatti, se acquisti un impianto fotovoltaico con o senza accumulo entro il 31 Dicembre 2021, noi di Otovo saremo in grado di offrirti la cessione del credito.

Passa al solare!

You’ve successfully subscribed to Otovo Italia | Blog Fotovoltaico in Italia
Welcome back! You’ve successfully signed in.
Great! You’ve successfully signed up.
Your link has expired
Success! Check your email for magic link to sign-in.